Quadratura do Piemonte na segunda metade do século XVIII:A capela do castelo Rocca Grimalda.

Elena Castelli De Angelis

Resumo


Quadratura in Piemonte nel secondo Settecento La cappella del castello di Rocca Grimalda

Resumo: Esta contribuição apresenta um exemplo inédito de quadratura relativo à segunda metade do século XVIII: a capela do castelo de Rocca Grimalda no Piemonte. É uma sala de planta central caracterizada pela expansão do espaço através de arquiteturas pintadas em que se misturam elementos do barroco tardio, do rococó e clássicos. Os tons pastel unificam as paredes tratadas individualmente como cenografias teatrais, sem um único ponto de vista. O único elemento inconsistente com o resto da decoração é o edifício gótico pintado na parede esquerda da capela. Parece ser atribuível a uma intervenção subsequente. A pesquisa em arquivo também revela o nome do artista responsável pela decoração, Angelo Maria Perucchetti. Sua figura é difícil de reconstruir devido à informação fragmentária e à ausência de obras sobreviventes se excluirmos os afrescos apresentados. Eles são, de fato, a única evidência de uma atividade que se deu sobretudo no setor dos conjuntos e dos aparelhos efêmeros. A esfera cultural em que o pintor se moveu foi principalmente a Sabóia e a obra de Rocca Grimalda, realizada por um nobre genovês, Battista IV Grimaldi, parece poder explicar inserindo esta intervenção decorativa no macrocosmo dos jogos de poder e das investiduras feudais. que, já no século XVIII, ligam o senhor da aldeia onde se encontra a capela à família piemontesa.

Palavra-chaves: Cenografia, Barroco, Rococó;

Astratto: Questo contributo presenta un esempio inedito di quadratura relativo alla seconda metà del Settecento: la cappella del castello di Rocca Grimalda in Piemonte. Si tratta di un ambiente a pianta centrale caratterizzato dalla dilatazione dello spazio per mezzo di architetture dipinte in cui si mescolano elementi tardo barocchi, rococò e classici. I toni pastello unificano le pareti trattate individualmente come scenografie teatrali, senza un univoco punto di vista. Il solo elemento non coerente con il resto della decorazione è l’edificio gotico dipinto sulla parete sinistra della cappella. Esso sembra da ascriversi ad un intervento successivo. Le ricerche archivistiche permettono di svelare anche il nome dell’artista responsabile dell’ornato, Angelo Maria Perucchetti. La sua figura è difficile da ricostruire per via di frammentarie notizie e dell’assenza di opere superstiti se si escludono gli affreschi presentati. Essi sono, infatti, l’unica testimonianza di un’attività svoltasi soprattutto nel settore delle scenografie e degli apparati effimeri. L’ambito culturale in cui il pittore si mosse fu prevalentemente quello sabaudo e il lavoro a Rocca Grimalda, compiuto per un nobile genovese, Battista IV Grimaldi, sembra potersi spiegare inserendo tale intervento decorativo nel macrocosmo di giochi di potere e di investiture feudali che, proprio nel Settecento, legano il signore del borgo in cui si trova la cappella alla casata piemontese.

Parole chiave: Scenografia, barocco, rococò.

Recebido em: 09/07/2020  – Aceito em 01/08/2020


Palavras-chave


Barroco; Rococo; iconografia; quadratura

Texto completo:

PDF

Referências


Referenze

ADGGe, Archivio Pallavicini, cc. Grimaldi Oliva, 240.

ADGGe, Archivio Pallavicini, cc. Grimaldi Oliva, 193 s. n.

Archivio Bosio Torino, sez. Paesi, mazzo 1, fasc. 2, sottofasc. 2/7 (Acqui Terme).

Archivio Curia Vescovile di Alessandria, VII. I. 9, tomo III, cc. 7 r.-12 r.

Archivio di Stato di Torino (ASTo), Conto Camerale del 1775, Tesoreria Reale Casa, cap. I, c. 56.

Archivio Durazzo Giustiniani Genova (ADGGe), Archivio Pallavicini, cc. Grimaldi Oliva, 226 e 240.

Archivio di Stato di Alessandria (ASAl), ASCAL, serie II, 552, vol. IV, c. 57 v.

Alle radici di Alessandria. Alessandria: Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, 2011, pp. 18-21.

ASAl, ASCAL, serie III, 1767, confessi n. 170 e 171. Per una contesa che coinvolse il pittore: ASAl, ASCSAL, serie III, 52, f. 201.

ASAl, ASCAL, serie I, 790, fasc. 33.

ASTo, Regolari di diversi paesi per A e B, mazzo 1, Alessandria, Minori Conventuali, Libro delle spese per conto del Legato Dolchi, c. 22 v.

ASTo, Regolari di diversi paesi per A e B, mazzo 1, Alessandria, Minori Conventuali, Libro delle spese per conto del Legato Dolchi, c. 26 r.

ASTo, Conto Camerale del 1775, Tesoreria Reale Casa, cap. III, cc. 97, 98.

BAUDI DI VESME, Alessandro. L’arte in Piemonte dal XVI al XVIII secolo. Torino: Società Piemontese di Archeologia e Belle Arti, 1963-1968, 4 voll., qui vol. III, pp. 814-815, 1009. Enciclopedia Alessandrina. I personaggi. Alessandria: Industria Grafica Editoriale, 1990, p. 197.

BARBERIS, Agata. Protagonisti della pittura ad Alessandria nel XVIII secolo. Bollettino della Sociatà Piemontese di Archeologia e Belle Arti, n.s., XLIII, 1989, pp. 343-364, qui p. 360.

CACCIOLA, Francesca. (tesi di laurea Io Battista Grimaldi cittadino genovese, relatori E. Poleggi, E. De Negri, Facoltà di Architettura, Anno Accademico 1999/2000).

CERRI, Maria Grazia; BIANCOLINI FEA, Daniela; PITTARELLO, Liliana (org.). Alfredo d’Andrade. Tutela e restauro. Firenze: Vallecchi, 1981.

CERINO BADONE, Giovanni. “Le progressive acquisizioni sabaude (1713-1796)”. In LUSSO, Enrico (org.). Atlante storico dell’Alessandrino. Novara: Deaprinting, 2013, pp. 96-97.

CONTI, Flavio; TABARELLI, Gian Maria. Castelli del Piemonte. Alessandria e Asti. Novara: Istituto Geografico De Agostini, 1978, pp. 54-55, 89.

COPPA, Simonetta. “Considerazioni sul quadraturismo del Settecento in Lombardia. Quadraturusti monzesi noti e meno noti”. In FARNETI, Fauzia; LENZI Deanna. Realtà e illusione nell’architettura dipinta. Firenze: Alinea editrice, 2006, pp. 241-252, qui pp. 241-242.

DAMERI, Annalisa; LIVRAGHI, Roberto. Il nuovo volto della città. Alessandria nel Settecento. Alessandria: SO.G.ED., 2005 con bibliografia.

DORIA Giorgio. Nobiltà e investimenti a Genova in età moderna. Genova: Istituto di storia economica, 1995, p. 59.

FILIPPI Elena. L’arte della prospettiva. L’opera e l’insegnamento di Andrea Pozzo e Ferdinando Galli Bibiena in Piemonte. Città di Castello: Olschki Editore, 2002, pp. 55-60.

GALLI DI BIBIENA, Ferdinando. L’architettura civile preparata su la geometria e ridotta alle prospettive. Parma: per Paolo Monti, 1711, pp. 137-140.

GALLI DI BIBIENA, Ferdinando. t. II. Stampate in Bologna 1764”: Archivio Pallavicini, fondo Grimaldi Oliva, 179, s.n.

IENI, Giulio. “Dall’Ecclesia Maior al rifacimento del S. Marco”. In SPANTIGATI Carlenrica. La cattedrale di Alessandria. Torino: Il Quadrante, 1988, pp. 7-48, qui p. 14.

LEVI, Marcello. Catalogo dei pittori in Piemonte dal XIV al XX secolo. Torino: Bolaffi, 2003, p. 171.

PANIZZA, Gian Maria; LIVRAGHI, Roberto. Tornare alla luce. Le fondamenta di San Pietro. Alessandria: Edizioni dell’Orso, 2005 con bibliografia.

PISTARINO, Geo. Castelli del Monferrato Meridionale nella Provincia di Alessandria. Cinisello Balsamo: Amilcare Pizzi, 1970, pp. 75-80.

ROCCAGRIMALDA, Alfredo d’Andrade – Castello, esterno, 1860, matita, mm. 262x173, inv. fl/12064 (LT 3886), Torino, GAM – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Gabinetto Disegni e Stampe, fondo d’Andrade.

TIGRINO, Vittorio. “Giurisdizione e transiti nel Settecento. I feudi imperiali tra il Genovesato e la Pianura Padana”. In CAVALLERA, Marina. Lungo le antiche strade. Busto Arsizio: Nomos Edizioni, 2007, pp. 45-94, qui pp. 45-65.


##plugins.generic.alm.title##

##plugins.generic.alm.loading##

Metrics powered by PLOS ALM

Apontamentos

  • Não há apontamentos.


Incluir comentário

Direitos autorais 2021 Elena Castelli De Angelis

Licença Creative Commons
Esta obra está licenciada sob uma licença Creative Commons Atribuição 4.0 Internacional.

  

NOVO QUALIS CAPES B2